ugo borghetti – noia pt. 5 lyrics

azlyrics.biz


Loading…

[testo di “noia pt. 5”]

[intro]
ugo borghetti, dr. wesh, 126
lovegang
(sacrestia)

[strofa]
giocavamo a carte al tramonto in vacanza (ah)
t’ho fatto bacia’ ‘a vecchia
ridendo versavi nel bicchiere vino
labbra nere (ah)
sguardo che ti entra dentro
con te ogni litigata ci porta all’estremo (cazzo)
non capisco se mi ami o sei solo una stronza
se ci siamo invorticati solo perché non ci sappiamo più dividere dopo la prima scopata e la prima sbronza (giuro che non potrei lasciarti mai)
tirate le somma
pensier astratti prendono forma (2+2 fa 7)
come dopo un soffio de vento n’onda
capelli al vento sono belli, sono tanti
un capello, un rimpianto
partiamo per un viaggio
porterò con mе la coerenza che i miеi fratelli m’hanno insegnato sull’asfalto
sarà la mia compagna de banco
non puoi pretende’ de sta’ bene
quando chi te vole te vede co’ l’occhio spento
e le macchie de sangue ad altezza mento (chiedo perdono)
me piace beve
a chi non te guarda nell’occhi quando brinda non je crede’
nella vita va avanti chi fa ’r vile
chi se ruba ‘e galline, non l’ova
guadagna chi ce magna sulla rota
figlio del niente
ho sfidato la morte e ne so’ uscito indenne
sente ‘sta voce e la tua stronza rizza le recchie
in giro da anni, le facce so’ sempre le stesse (belli mia)
me sto a fa’ ‘r vecchio
e ancora baccaglio all’alba dopo ‘na bira de troppo (spalle larghe, forte e grasse)
quanta è mella mamma roma
all’alba che te rilassa co’ quella luce giallastra (roma)
[outro]
ubc, 126, dr. wesh

Leave a Comment